La prevenzione vaccinale in Toscana

La vaccinazione rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina ed è il più importante strumento di prevenzione. La Regione Toscana ha adottato uno dei calendari vaccinali più all'avanguardia, ed è tra le prime regioni ad aver istituito una Commissione per gli indirizzi, le strategie vaccinali e la prevenzione delle patologie infettive.

La Regione Toscana (RT), fra le prime in Italia, si è dotata, con la Delibera di Giunta Regionale n. 1060 del 10/10/2000, di una Commissione Regionale per gli indirizzi, le strategie vaccinali e la prevenzione delle patologie infettive. Si tratta di un organo di consulenza per l'aggiornamento del calendario vaccinale regionale sulla base delle evidenze di letteratura scientifica e per un’applicazione omogenea sul territorio delle raccomandazioni in ambito vaccinale.

Il Calendario regionale delle vaccinazioni è stato unificato in un unico piano di immunizzazione per la vita, che include l'età evolutiva, l'adolescenza e l'età adulta (Delibera della Giunta regionale n. 823/2014). Nell’ultima versione del calendario l’offerta vaccinale è stata ampliata e migliorata per garantire una maggior copertura dalle principali malattie infettive (Delibera di Giunta Regionale n. 1374 del 27/12/2016).

Nella Delibera sono inoltre presenti alcune misure di prevenzione temporanee attualmente previste fino 31 dicembre 2018 relativamente alla vaccinazione contro il meningococco C. Infatti a partire dai primi mesi del 2015 è stato registrato in Toscana un aumento dei casi di malattia invasiva da meningococco C (meningiti e sepsi) rispetto agli anni precedenti, in particolare nell’area della ASL Toscana Centro, anche nella fascia di età più adulta della popolazione.

Con la Legge 119 del 31/7/2017 - Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 giugno 2017 n. 73, recante disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale - sono state introdotte a livello nazionale nuove disposizioni con l'obiettivo di recuperare e mantenere livelli di copertura vaccinale ottimali che negli ultimi anni hanno registrano un significativo calo al di sotto della soglia considerata di sicurezza dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (95%).

In base al decreto, per i minori di età compresa tra 0 e 16 anni sono obbligatorie e gratuite le seguenti vaccinazioni:

  • Anti-poliomielitica
  • Anti-difterica
  • Anti-tetanica
  • Anti-epatite B
  • Anti-pertosse
  • Anti-Haemophilus Influenzae tipo B
  • Anti-morbillo
  • Anti-rosolia
  • Anti-parotite

Per i nati dall'anno 2017 è obbligatoria anche la vaccinazione contro la varicella.

Sono fortemente raccomandate e per questo offerte attivamente e gratuitamente ai nuovi nati le vaccinazioni anti-meningococco C, anti-meningococco B, anti-pneumococco, anti-rotavirus.

Sul sito della RT sono presenti le indicazioni e le modalità operative relative alle nuove disposizioni in materia di vaccinazioni presentate nel suddetto Decreto Legge.

In RT vengono inoltre garantiti i servizi per i viaggiatori ai quali vengono consigliati vaccini contro patologie specifiche a seconda della meta, del tipo di viaggio, del periodo di permanenza e delle condizioni di salute personali.

La pratica vaccinale in Toscana è pianificata, coordinata e gestita dai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica dei Dipartimenti di Prevenzione, in collaborazione con i Pediatri di Libera Scelta e i Medici di Medicina Generale.

Condividi questa pagina: