Il calendario vaccinale della Regione Toscana

Il calendario vaccinale è lo strumento di attuazione delle strategie vaccinali in ogni Regione e/o Provincia autonoma e rappresenta il documento di riferimento in materia di vaccinazione sia per gli operatori sanitari (professionisti dei servizi vaccinali, medici di medicina generale, pediatri) che per i cittadini.

ll Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) fornisce alle Regioni un calendario vaccinale di riferimento, al fine di garantire uniformemente il diritto alla prevenzione vaccinale e delineare gli schemi ottimali dell’offerta vaccinale. Il documento non entra nel merito delle modalità organizzative dell’offerta vaccinale.

Alle Regioni spetta il compito di tradurre in pratica gli indirizzi del PNPV.

Ogni Regione redige il calendario vaccinale, definendo le vaccinazioni non incluse nei LEA e le modalità della compartecipazione alla spesa.

L’ultimo calendario vaccinale della Regione Toscana è stato approvato con la Delibera della Giunta Regionale n. 1374 del 27-12-2016. Nell’Allegato A della delibera viene illustrato il calendario vaccinale universale (tabella 1) e vengono inoltre riportare indicazioni specifiche per alcune categorie di soggetti (soggetti a rischio, operatori sanitari e minori immigrati).

Calendario vaccinale regionale universale (aggiornamento dicembre 2016).
Calendario vaccinale regionale universale (aggiornamento dicembre 2016).

Note:

* Le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia, varicella sono offerte gratuitamente a tutti i soggetti anamnesticamente negativi (ossia che non hanno contratto la malattia naturale) ed ai soggetti a rischio riportati nel capitolo dedicato.

** le vaccinazioni contro Epatite B, Hib, Pneumococco, Meningococco, HPV, Influenza, oltre alle classi di età indicate nel presente calendario, sono offerte gratuitamente a tutti i soggetti a rischio riportati nel capitolo dedicato.

1) Dopo il compimento dei 7 anni è necessario utilizzare la formulazione con vaccino antidifto-tetanico-pertussico acellulare di tipo adolescenziale-adulto (dTpa).

2) Un richiamo si somministra all'età di 11-18 anni (preferibilmente a 14 anni). I Successivi richiami verranno eseguiti ogni 10 anni. Per i soggetti mai vaccinati in precedenza contro il tetano o con anamnesi incerta per il ciclo primario di vaccinazione, questo deve essere eseguito somministrando due dosi di dT seguite da una terza di dTpa.

3) Ai bambini nati da madri positive per HBsAg, somministrare entro le prime 12-24 ore di vita contemporaneamente alle immunoglobuline specifiche antiepatite B; il ciclo va completato con una seconda dose a distanza di 4 settimane dalla prima, con una terza dose dopo il compimento della ottava settimana e con la quarta dose in un periodo compreso tra l'undicesimo ed il tredicesimo mese di vita anche in concomitanza con le altre vaccinazioni.

4) La vaccinazione MPRV consta di due dosi di cui la prima al 14-15° mese e la seconda a 5-6 anni.

5) Per i soggetti suscettibili per una o più delle malattie previste nel vaccino, 2 dosi a distanza di almeno 1 mese l'una dall'altra. Utilizzare MPRV fino a 12 anni (non compiuti) e MPR+Varicella nelle età successive.

6) La vaccinazione si compone di tre dosi di cui la prima dal 13° al 15° mese (preferibilmente al 15°), la seconda dose dai 6 anni ai 9, la terza dose a 13 anni. Se richiesta nel primo anno di vita (condizioni particolari di rischio) è prevista la somministrazione di 2-3 dosi in base all'età di inizio. Ai ragazzi nella fascia di età 9-20 (dai 9 anni compiuti al compimento dei 20) già vaccinati con una dose da più di cinque anni, è garantita l'offerta attiva e gratuita della seconda o della terza dose con vaccino coniugato tetravalente ACWY. Nella fase di transizione al nuovo calendario vaccinale con tre dosi, è garantita l'offerta attiva e gratuita della vaccinazione ai non vaccinati di qualsiasi età, fino al compimento dei 20 anni.

7) Soggetti anamnesticamente negativi. Somministrare due dosi a distanza di almeno 4 settimane l'una dall'altra.

8) L'offerta gratuita si intende dagli undici anni compiutI ai 18 non compiuti, per femmine e maschi (a breve per i maschi coorte 2007 e recupero coorte 2006).

9) 1 dose annuale.

10) La vaccinazione contro il meningococco B consta di 4 dosi: la prima si somministra a metà del terzo mese di vita (76° giorno di vita, 15 giorni dopo esavalente+pneumo), la seconda a metà del quarto mese di vita (106° giorno di vita, 1 mese dopo la prima dose di Men B) , la terza all'inizio del sesto mese di vita (151° giorno di vita, 1 mese dopo la seconda dose di esavalente+pneumo), la quarta al tredicesimo mese di vita, a distanza di 15 giorni dalla vaccinazione con esavalente.

Condividi questa pagina: