LO SAPEVATE CHE... I VACCINI FUNZIONANO!

In Italia in 115 anni sono stati evitati 4 milioni di casi di malattia e migliaia di morti grazie alle 10 principali vaccinazioni introdotte tra il 1900 e il 2015.

Le discussioni attuali hanno portato alla luce la crescente preoccupazione da parte della popolazione sulla sicurezza e sulla utilità dei vaccini. Questo, insieme al basso rischio percepito riguardo ad alcune malattie infettive, ha portato a una riduzione delle coperture vaccinali (ora in rialzo grazie al nuovo decreto-legge sui vaccini) e all’aumento della segnalazione di focolai infettivi.

Per rispondere a questa problematica ci viene in aiuto un articolo appena pubblicato sulla rivista internazionale Vaccine intitolato “The impact of immunization programs on 10 vaccine preventable diseases in Italy: 1900-2015”. Questo studio, a cura del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, valuta l’impatto dei vaccini su 10 malattie infettive: difterite, tetano, poliomielite, epatite B, pertosse, morbillo, parotite, rosolia, varicella e meningococco.

Lo studio, infatti, evidenzia come le strategie di vaccinazione portate avanti nel corso del secolo scorso e nei primi 15 anni del nuovo millennio abbiano determinato un drastico calo della mortalità e della morbosità di queste malattie. Sono 4 milioni i casi di malattia stimati, di cui il 35% riguardante bambini nei primi anni di vita, che sono stati evitati grazie alla vaccinazione universale. Inoltre è stimato che oltre 70.000 morti sono state evitate dalla vaccinazione contro la difterite, il tetano e la poliomielite le tre malattie infettive con la più alto tasso di mortalità nel secolo scorso.

Negli ultimi anni alcune di queste malattie, come morbillo e difterite, sono riemerse in Europa a causa del calo delle coperture vaccinali. Questo dimostra come degli adeguati programmi di vaccinazione universale rappresentino lo strumento di prevenzione più efficace contro le malattie infettive.

Allegati disponibili
Condividi questa pagina: